in: ,

Il seminario che proponiamo è focalizzato su una riflessione intorno al tema “sociologia e vita quotidiana”, intendendo la vita quotidiana come una chiave di lettura – epistemica, teorica e metodologica – e non come una semplice specializzazione delle scienze sociali, ovvero la sociologia della vita quotidiana. La nozione di vita quotidiana ha infatti subito nel tempo trasformazioni, riconcettualizzazioni, traduzioni e applicazioni diverse, che l’hanno messa in contatto con mutamenti sociali e tradizioni teoriche inizialmente estranee alle sue fonti originarie – prevalentemente ispirate alla fenomenologia, in particolar modo a quella di Alfred Schütz.

Questo seminario propone innanzitutto un’analisi critica e una rivisitazione contemporanea di due autori che sono stati fondamentali per la concettualizzazione della vita quotidiana, Alfred Schütz ed Erving Goffman, soprattutto in Italia dove alle prospettive fenomenologica, interazionista e drammaturgica si è prevalentemente ispirata la sociologia della vita quotidiana. Gli interventi previsti hanno l’obiettivo di presentare alcune delle principali aree di riflessione e applicazione della chiave di lettura “vita quotidiana” nella sociologia contemporanea, esplorandone le ridefinizioni, gli aggiustamenti, l’abbandono di determinate interpretazioni alla luce delle trasformazioni sociali e degli sviluppi teorici degli ultimi decenni. In particolare verranno prese in considerazione le riconcettualizzazioni e il rinnovamento di tematiche più ‘convenzionali’ per lo studio della vita quotidiana – come la spazio-temporalità, l’abitare, l’ordinario, le routine e il senso comune – ma anche tematiche più ‘collaterali’ come la cultura materiale e il rapporto con gli oggetti, il mutamento sociale e il possibile, il simbolico, il ruolo dell’eurocentrismo, del pluralismo culturale e delle prospettive sviluppate dagli studi postcoloniali.

Queste riflessioni verranno presentate in una serie di interventi articolati in due appuntamenti, fra di loro collegati, rispettivamente all’Università della Calabria e all’Università degli Studi di Milano.