I referendum sull’acqua del giugno 2011 hanno segnato la schiacciante vittoria dei Sì, con oltre ventisei milioni di italiani che si sono espressi a favore dell’abrogazione delle norme sulla privatizzazione del servizio idrico integrato e sul pagamento in bolletta degli interessi sul capitale investito.

A più di quattro anni di distanza non molto è cambiato.

Il processo di depubblicizzazione, cioè la disarticolazione delle vecchie municipalizzate dall’interno della pubblica amministrazione e il passaggio alle nuove società di capitali, non si è arrestato.

Le novità più rilevanti sono state, da un lato, l’abbandono dell’idea di istituire un’autorità indipendente specificamente dedicata all’acqua con l’attribuzione delle funzioni di regolazione e controllo del settore all’Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico e, dall’altro, l’attribuzione alle Regioni del potere di istituire nuovi enti pubblici che sostituissero le vecchie Autorità d’ambito territoriale ottimale (AATO) per decidere sulle modalità di gestione e sull’affidamento del servizio idrico integrato.

Sul settore dell’acqua grava poi un serrato programma di spending review che coinvolge tutte le società partecipate degli enti locali.

Tutto ciò avviene mentre sia i sostenitori della gestione pubblica che quelli della gestione privata o mista condividono l’affermazione che l’acqua è un bene essenziale e rimane di proprietà pubblica.

Ma quale sia la gestione migliore per utilizzarla in modo corretto, per preservarla e mantenerla per le generazioni future non è ancora chiaro.

Nel corso dell’incontro si parlerà delle forme di gestione previste dalle leggi vigenti e della possibilità di una forma di gestione collettiva e partecipata dalle comunità locali in cui alcuni studiosi intravedono le tracce di una gestione ‘comune’.

In collaborazione con

Luigi Maria Sicca
Corso di Organizzazione delle aziende e delle amministrazioni pubbliche

Sergio Marotta
Corso di Istituzioni e mutamento sociale

Apertura dei lavori

Lucio d’Alessandro
Rettore dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa

Lectio Brevis di

Maurizio Iaccarino
Autore del volume, Un mondo assetato. Come il bisogno d’acqua plasma le civiltà
Napoli, Editoriale Scientifica 2015

Discussione

Maurizio Avallone
Adriano Giannola
Carlo Iannello
Sergio Marotta
Eugenio Mazzarella
Gennaro Migliore
Maria Muscarà
Giuseppe Ossorio

Coordina

Luigi Maria Sicca
Direttore scientifico della Collana punto org