in:

L’avanzamento tecnologico, l’incessante mutamento degli scenari socio-economici, i nuovi cleavages ridefiniscono continuamente il ruolo che i ricercatori sociali possono assumere nell’analisi e nella valutazione delle tendenze e dei bisogni emergenti, nonché nella previsione degli assetti futuri.

Ambiti come il rischio ambientale, la sicurezza sociale e l’impatto delle politiche pubbliche pongono sfide che richiedono l’elaborazione di modelli procedurali, strumenti valutativi, algoritmi che aiutino a leggere con uno sguardo plurale grandi masse di dati, provenienti da fonti altamente eterogenee.

In questa compagine, si aprono nuove prospettive di intreccio e di collaborazione tra diversi saperi afferenti a discipline dal forte impatto pubblico, come: l’ingegneria, l’informatica, il marketing politico, le neuroscienze, etc. A questo livello, occorre riflettere sugli spazi di riconoscimento e di riconoscibilità delle categorie teorico-interpretative e degli strumenti metodologici del sociologo nel governo dell’innovazione che queste nuove forme di interdisciplinarietà comportano.

L’edificazione di un meta-linguaggio che metta in comunicazione i diversi domini, l’intersoggettività delle categorie interpretative, la co-costruzione di dati di qualità, la razionalità scientifica delle logiche procedurali adottate, la condivisione di una Gestalt comune sono solo i traguardi preliminari che il confronto tra i diversi saperi richiede di realizzare affinché la loro collaborazione produca processi concreti di miglioramento sociale.

La sezione di Metodologia dell’AIS intende promuovere un confronto aperto su questi temi a partire da esperienze di ricerca empirica o di riflessione epistemologica che restituiscano la complessità sottesa all’evoluzione del dialogo interdisciplinare e al quadro delle nuove sfide implicate.

Per intervenire a questo panel di discussione è necessario presentare un long abstract, di lunghezza compresa tra le 3.000 e le 4.000 battute (bibliografia esclusa) entro il 10 novembre 2019 all’indirizzo di posta elettronica della sezione: aismetodologia @ gmail.com

Gli abstract dovranno indicare chiaramente:

  • Autore/i e titolo della relazione;
  • Istituzione o Ente di appartenenza;
  • Principali riferimenti bibliografici;
  • 3-5 parole chiave;
  • Indirizzo di posta elettronica per la

 

Il Comitato scientifico selezionerà i contributi più innovativi e rigorosi entro il 25 novembre 2019.