in:

La Summer School offre un insieme di strumenti metodologici utili allo studio delle narrazioni di malattia e delle pratiche di cura. Collocati in una solida cornice teorica, i metodi proposti fanno capo al vasto contesto della ricerca qualitativa, anche in ambiente digitale. L’attenzione cadrà sull’intervista discorsiva e l’osservazione partecipante, cui si farà riferimento tanto sul piano della raccolta quanto su quello dell’analisi dei dati. Le tecniche verranno presentate nel loro impiego in specifiche attività di ricerca o formazione che hanno impegnato i docenti della scuola. Verranno presentati studi caratterizzati da una diversa vocazione all’intervento, dalla produzione di linee guida alla ricerca azione. Il corso si chiuderà con la messa a punto, da parte degli studenti e delle studentesse, di un progetto di ricerca che verrà discusso collettivamente. La frequenza al corso consentirà ai partecipanti di sviluppare competenze nella realizzazione di progetti di ricerca e di intervento nell’ambito della salute pubblica e dei servizi sanitari. Sul piano operativo, verranno forniti specifici strumenti analitici utili al miglioramento della qualità della cura, della relazione con i pazienti e alla crescita del benessere organizzativo nei contesti di cura.

La Summer School si rivolge a studenti e studiosi nell’ambito delle scienze sociali, della medicina e delle professioni sanitarie, del servizio sociale, delle medical humanities, nonché a tutti i professionisti della cura interessanti a una lettura sociologica dei loro contesti di lavoro. I docenti del corso provengono dalle diverse professioni impegnate nello studio e nella pratica della cura, sociologi, psicologi, assistenti sociali, medici e studiosi di scienze infermieristiche.

 

Lezioni e seminari verranno condotti da:  Enzo Alastra (ASL Biella), Laura Bini (Università di Firenze), Mario Cardano (Università di Torino), Paola Di Nicola (Università di Verona), Anna Rosa Favretto (Università del Piemonte orientale), Lorenza Garrino (Università di Torino), Guido Giarelli (Università Magna Graecia Catanzaro), Marco Ingrosso (Università di Ferrara), Linda Lombi (Università Cattolica di Milano), Cristina Lonardi (Università di Verona), Roberto Lusardi (Università di Bergamo), Antonio Maturo (Università di Bologna), Maria Giovanna Vicarelli (Università Politecnica delle Marche), Alfredo Zuppiroli (Regione Toscana).

***

Le iscrizioni alla Summer School sono aperte agli studenti e ai professionisti della sanità e dei servizi sociali, in possesso di almeno una laurea triennale.

La quota di iscrizione, comprensiva dei pranzi e dei materiali didattici (pernottamenti esclusi) è pari a 400 euro, per gli studenti, e a 600 euro per i professionisti, docenti e ricercatori. Per gli assistenti sociali, iscritti al CROAS Veneto, la quota di iscrizione è ridotta – come da convenzione tra Università di Verona e l’Ordine degli Assistenti Sociale della Regione Veneto – a 480 euro.

 

Le iscrizioni sono aperte fino al 31 Maggio 2019.

Per informazioni: salute @ ais-sociologia.it

 

Canale youtube dedicato:  http://tiny.cc/bulq4y