AIS comunica con soddisfazione che Sociologia italiana, la Rivista AIS, ha ottenuto la collocazione in Classe A per tutti settori sociologici. Per il raggiungimento di questo risultato un ringraziamento va alla Redazione che con il numero in uscita conclude brillantemente il suo impegno triennale, svolto sotto la Presidenza di Enrica Amaturo. Disponibilità alla condivisione del lavoro redazionale,  tenacia nel perseguimento dell’obiettivo ed entusiasmo di tutti i componenti della Redazione sono stati fondamentali per ottenerlo.  Un riconoscimento a parte è dovuto a Marita Rampazi, condirettrice della rivista in questo ultimo triennio, che sin dalla nascita della rivista, voluta da Antonio De Lillo e poi realizzata sotto la Presidenza di Alessandro Bruschi e proseguita con il Direttivo presieduto da Paola Di Nicola,  ha sostenuto con convinzione, impegno personale, e tanta determinazione questo progetto e questo obiettivo. La qualità che oggi viene riconosciuta alla rivista va tuttavia considerata come esito di un’impresa corale, a cui hanno dato impulso i membri di tutte le Redazioni passate, i componenti del Comitato Scientifico e tutte le colleghe e i colleghi con i loro saggi, articoli, interviste, recensioni e il lavoro di peer review; le Sezioni dell’AIS, con le loro proposte di Focus tematici, l’AIS tutta che alla rivista ha contribuito a conferire riconoscibilità e identità specifica. Di essere all’altezza del risultato raggiunto, la Redazione e il Direttivo che adesso la prendono in carico si sentono responsabili: la Rivista dovrà consolidarlo, rendendosi ancor più riconoscibile e apprezzata nel panorama nazionale e in quello europeo. Insieme ce la faremo. Ancora grazie e a tutte e tutti, con gli auguri di buon lavoro per il prossimo futuro!

 La lista aggiornata delle Riviste sociologiche di classe A