Lettera del Consiglio dei Saggi alle/ai socie/soci AIS

Nella nostra qualità di membri del Consiglio dei Saggi dell’Associazione Italiana di Sociologia, consapevoli delle difficoltà che la nostra disciplina incontra nella fase attuale dell’ università e del paese, desideriamo sottoporvi alcune riflessioni relative al futuro della nostra associazione, anche in vista dell’Assemblea e del rinnovo delle cariche sociali.

In primo luogo siamo convinti che l’AIS debba assicurare l’esistenza di una “casa comune” di tutti i sociologi.

In secondo luogo riteniamo che debba essere avviata una discussione approfondita per ripensare i rapporti fra sociologia generale e sociologie applicate alla luce dello stato della disciplina a livello internazionale e non solo nazionale.

Infine, in terzo luogo, è importante ridefinire il ruolo di AIS al fine di assicurare relazioni sistematiche con le altre realtà associative, in particolare di ambito sociologico, ma anche con le discipline affini.

Alla luce di quanto indicato, riteniamo desiderabile e forse addirittura necessario che i candidati alle cariche della nostra associazione, così come stabilito dall’art. 6 del Regolamento generale, presentino almeno due mesi prima della data prevista per la votazione un programma dettagliato che tenga presente le problematiche sopra indicate.

Il Consiglio dei Saggi: Giandomenico Amendola, Alessandro Bruschi, Alessandro Cavalli, Vincenzo Cesareo, Paola Di Nicola

***

Lettera del Direttivo alle/ai socie/soci AIS

Nel prossimo mese di gennaio 2020, nell’ambito del Convegno di fine mandato di questo Direttivo, si terrà l’Assemblea per il rinnovo delle cariche sociali.

Ci rivolgiamo a voi per dare inizio, in modo ampio e partecipato, a questo processo e vi sollecitiamo a presentare candidature alle cariche di Presidente, Vice-Presidente e membri del Consiglio Direttivo.

Il Consiglio dei Saggi, nella lettera indirizzata a tutti i soci AIS e trasmessa il 14 settembre [su riportata], auspica che le candidature pervengano almeno due mesi prima, quindi entro il prossimo 24 novembre 2019. A norma dell’art. 6 del Regolamento generale, le candidature debbono pervenire al Presidente del Consiglio dei Saggi, professor Alessandro Cavalli, e alla Presidentessa dell’AIS, professoressa Enrica Amaturo. L’elettorato passivo e attivo è specificato nell’art. 13 dello Statuto. Tanto quest’ultimo quanto il Regolamento sono disponibili sul sito AIS.

La stagione accademica che stiamo vivendo è segnata da cambiamenti profondi che si riflettono ogni giorno nella didattica universitaria e nelle attività di ricerca scientifica. Il presente e il futuro della comunità scientifica italiana sono densi di incognite normative e finanziarie. Tutto ciò riveste una particolare importanza per la sociologia; la nostra Associazione è sempre più chiamata a dare un contributo rilevante per una incisiva presenza della disciplina.

Questo Direttivo si augura che possano pervenire ampie disponibilità di candidature per andare a ricoprire, attraverso un processo trasparente e democratico, ruoli cruciali per l’Associazione e per il nostro futuro.

Il Direttivo AIS

***

Lettera della Consulta della Ricerca alle/ai socie/soci AIS

La Consulta della ricerca dell’AIS, che riunisce i/le coordinatori/trici delle Sezioni, desidera esprimere alcuni auspici sul futuro dell’Associazione in prossimità del convegno di fine mandato dell’attuale Consiglio direttivo, a Napoli dal 23 al 25 gennaio 2020, durante il quale si terrà anche l’assemblea dei soci e verranno rinnovate le cariche associative.

La Consulta auspica innanzitutto che questo periodo di transizione possa rappresentare l’avvio di un processo che porti al superamento della storica divisione fra componenti all’interno dell’Associazione, favorendo un suo profondo rinnovamento, a partire dalla constatazione dello scenario nel quale si colloca e del necessario confronto con altre organizzazioni associative.  Auspica altresì che le giovani generazioni di sociologi e sociologhe abbiano in questo processo un ruolo di primo piano, affinché possano ritrovare in AIS una casa comune in cui riconoscersi.

La nostra Associazione si trova infatti a fronteggiare una duplice sfida: rigenerare la sua autonomia e il suo prestigio – recuperando così quella credibilità e affidabilità che le è necessaria per operare all’altezza della sua tradizione – e insieme intraprendere un percorso di profonda riforma interna sul piano culturale, relazionale e formale che le consenta non solo di mettersi al passo con i processi di trasformazione ma anche di diventarne protagonista.

La consulta, in particolare, sottolinea alcune priorità che si augura possano ispirare il percorso di ripensamento e l’attività del nuovo Consiglio Direttivo: una riflessione sulla forma, struttura e modello organizzativo dell’associazione; l’individuazione dei componenti del CD con elevato profilo sul piano scientifico a livello nazionale e internazionale ma anche motivati a gestire i processi di cambiamento; l’identificazione di strategie indirizzate a rafforzare il senso di unità e di appartenenza ad AIS; la predisposizione di strumenti e canali atti a favorire la partecipazione dei soci e delle socie; l’investimento indirizzato a rafforzare l’internazionalizzazione; la spinta a rendere efficiente l’Associazione, anche attraverso azioni e strumenti in grado di migliorare la comunicazione a livello intra e inter-associativo; la promozione dello scambio e della solidarietà intergenerazionale, con sempre maggiore attenzione ai bisogni delle nuove generazioni; l’impegno in azioni indirizzate a rafforzare il ruolo del sociologo nella società civile e il riconoscimento della sua professionalità, garantendo maggiori opportunità di intervenire nel dibattito pubblico; la spinta all’interdisciplinarietà; un nuovo progetto editoriale per la Rivista AIS che deve diventare attrattiva, internazionale e collegata con i più rilevanti Journals europei dell’area sociologica.

La Consulta della ricerca AIS: Rita Bichi, Ilenya Camozzi, Mario Cardano, Elisabetta Carrà, Maddalena Colombo, Fabio Corbisiero, Antonio Costabile, Lucio D’Alessandro, Emanuela Del Re, Gino Frezza, Silvia Mugnano, Massimo Pendenza, Domenico Secondulfo, Sonia Stefanizzi.