Il potere costituisce uno dei temi maggiormente trattati e capaci di attirare l’interesse di prospettive disciplinari diverse. Filosofia, storia del pensiero politico, sociologia, diritto, psicologia hanno offerto nei secoli contributi che hanno consentito di indagare la molteplicità degli aspetti chiamati in causa da una nozione che risulta connaturata al processo di stratificazione sociale e alle relazioni che si stabiliscono tra i soggetti.
Nella sua multidimensionalità, il potere sfugge ad una trattazione univoca e ad ogni tentativo di individuare una definizione che possa coprire da sola la varietà delle sue forme. Tante sono le  sfumature semantiche che esso assume nella sua capacità di adattamento ai diversi contesti e che il volume cerca di analizzare a partire dall’opera di autori classici e contemporanei, nel tentativo di delineare un percorso che mira a privilegiare la dimensione relazionale del potere.
Il volume contiene saggi di: Erica Antonini, Tito Marci, Donatella Pacelli, Antonio Putini, Emanuele Rossi.