Gli Studi di Genere sono un campo di produzione del sapere che studia i processi di costruzione sociale e di naturalizzazione del sesso e della sessualità, indagando le forme in cui l’uno e l’altra sono prodotti, pensati ed agiti dai diversi soggetti individuali, gruppi sociali o istituzioni. Gli Studi di Genere hanno arricchito le interrogazioni e le pratiche di ricerca delle Scienze Sociali, individuando nuovi ambiti e s-oggetti di riflessione e producendo nuove categorie di analisi. Hanno anche consentito di ripensare tematiche e questioni proprie della disciplina sociologica (tra cui, ad esempio, socializzazione, famiglia, divisione del lavoro, devianza, processi di naturalizzazione e di alterizzazione, rappresentanza politica, cittadinanza, Stato, nazionalismo, colonialismo).
Percorrendo trasversalmente i temi della Sociologia, gli Studi di Genere rappresentano una componente critica ed innovativa della disciplina. Le studiose e gli studiosi che vi operano hanno sviluppato presupposti teorici e metodologici intorno ai quali si è raccolta progressivamente una comunità ampia che ha fatto della multidisciplinarità e della partecipazione a network di ricerca internazionali uno degli elementi fondanti. I pensieri femministi e i movimenti Lgbtqi hanno fortemente contribuito alla costituzione dell’ambito di studi; non meno importante risulta essere l’apertura e l’interesse degli Studi di Genere alla politica e alle politiche (policy) − che la ricerca sociale è costantemente chiamata ad indagare − producendo analisi epistemologicamente riflessive e stimolando un dialogo fecondo tra comunità accademica e scientifica, istituzioni politiche, movimenti e società civile.
Partendo da queste considerazioni, gli obiettivi che la Sezione Studi di Genere si propone sono molteplici. Da un lato, la necessità di promuovere la diffusione di studi gender-sensitive nel panorama scientifico nazionale, dall’altro, la volontà di creare uno spazio di incontro per studios*, accademic* e non, giovani ricercatrici/tori e studentesse/studenti che vogliano iniziare a lavorare in questa direzione. Questi obiettivi richiedono una serie ampia di attività tra le quali: un impegno costante per sostenere la moltiplicazione di specifici percorsi didattici, di ricerca, di formazione, di riflessione teorica; la creazione di modalità di confronto e lavoro comune con le altre sezioni dell’AIS e con la comunità scientifica nazionale e internazionale. Accanto a queste attività, altro compito della Sezione SdG sarà consolidare la comunicazione con le Università, i Dipartimenti, i Centri di ricerca universitari e non e con le/i singol* studios* che si interessano dei temi cari alla ricerca di genere, nonché di dirigere lo sguardo a quella particolare forma della trasmissione dei saperi che viene agita in tutti quei luoghi e – primariamente – nelle Università, dove operare significa educare alla democrazia nel rispetto delle diversità.

English Version

Gender Studies is a field of knowledge production, which studies the processes of social construction and naturalization of sex and sexuality. This done by investigating how these processes are planned and started by individuals, social groups, and institutions. The study of gender enriches our knowledge of the practices, performances and representations that inform our understanding of masculinity, femininity, sexual orientation, and sexuality. Gender Studies lead us to rethink issues and questions that are specific to Sociology (including, for example, socialization, family, division of labor, deviance, naturalization and alterization, political representation, citizenship, state, nationalism, colonialism).
Scholars and researchers who work in this field have developed theoretical and methodological assumptions around which a wide community has gradually formed, making multidisciplinarity and participation in international research networks one of its cornerstones. Gender Studies have been greatly influenced by Feminist thought and LGBTQI movements. The intersection of Gender studies, Politics, and Policy is also relevant. This intersection stimulates a fruitful dialogue between academic and scientific communities, political institutions, movements, and civil society.
The “Gender Studies” Section (part of the AIS-Italian Sociological Association) has different aims. On the one hand, the promotion of research and curriculum development on the patterns of gender, gendered social relations, and sexualities. On the other hand; the desire to serve as a meeting place for scholars, young researchers and students who want to start working in these directions. These goals require a broad range of activities including: an ongoing commitment to support the multiplication of specific educational, research, and training programs; the establishment of new ways to meet and cooperate with the other AIS-Italian Sociological Association Sections and with the national and international scientific community. In addition to these activities, another key task will be to strengthen the communication with universities, departments, research centers and individual scholars who are interested in issues concerning gender theory and research.

Direttivo 2018/2021

Coordinatore: Fabio Corbisiero

Segretaria: Mariella Nocenzi

Consiglio scientifico: Marco Bacio, Fiorenza Deriu, Silvia Fornari, Maria Lucia Piga, Anna Maria Zaccaria

Modulo richiesta patrocinio (DA COMPILARE E INOLTRARE ALMENO 20 GIORNI PRIMA L’EVENTO A: genere@ais-sociologia.it).